In primo piano

CONCORSO FOTOGRAFICO A PREMI SUL TEMA “ACQUA PROTAGONISTA”

Questo è il tema prescelto dai soci di Viveracqua e quindi anche da Alto Trevigiano Servizi per questa prima edizione…

Leggi tutto..

SITUAZIONE IDRICA NEL TERRITORIO DI ATS

A seguito delle manovre fatte in questi giorni la situazione idrica di approvvigionamento nel territorio gestito da ATS si è…

Leggi tutto..

SITUAZIONE EMERGENZA IDRICA A SEGUITO DI CARENZA D’ACQUA

In considerazione del perdurare del grave stato di siccità e della riduzione della fornitura d’acqua da parte del territorio bellunese…

Leggi tutto..

ALTIVOLE: SOSPENSIONE EROGAZIONE ACQUA

Alto Trevigiano Servizi informa i cittadini che a seguito dei lavori di manutenzione straordinaria al nodo idraulico di adduzione del…

Leggi tutto..

PROBLEMI DI ACQUA A TARZO

La società Alto Trevigiano Servizi comunica che a causa della rottura della pompa del pozzo che si trova nella frazione…

Leggi tutto..

ATS: LAVORI A CORNUDA E GIAVERA DEL MONTELLO

Si avvisano gli utenti che martedì 15 novembre partono i lavori di ristrutturazione di alcune linee acquedottistiche nell’area del Montello.…

Leggi tutto..

ATS A ECOMONDO

Dall'8 all'11 novembre a Rimini si tiene ECOMONDO la fiera Internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo…

Leggi tutto..

ATS: LAVORI A MASER

La società Alto trevigiano Servizi comunica che mercoledì 9 novembre inizieranno i lavori di ristrutturazione dell'acquedotto in via Motte nel…

Leggi tutto..

ATS: LA NOSTRA ACQUA È CONTROLLATA

"Vogliamo rassicurare – dichiarano Raffaele Baratto, Presidente e Pierpaolo Florian, Amministratore Delegato di Alto Trevigiano Servizi - tutti i cittadini…

Leggi tutto..

FARRA DI SOLIGO: AL VIA I LAVORI PER LA SISTEMAZIONE DELL'ACQUEDOTTO

Alto Trevigiano Servizi ed il Comune di Farra di Soligo informano i cittadini che sono partiti i lavori per il…

Leggi tutto..

 

 

Area soci

Cosa fare per...

 

 

 

 

 

Chiedere un parere preventivo per l'allacciamento al servizio di acquedotto e fognatura

Per conoscere la disponibilità dei servizi di acquedotto e fognatura e avviare una pratica edilizia, è necessario che l’Utente presenti una Richiesta di Parere Preventivo per l’Allacciamento al Sevizio Idrico e Fognario compilando il modulo scaricabile dal sito www.altotrevigianoservizi.it e presentandolo presso i nostri Sportelli o inviandolo a mezzo fax n. 0423.292929 o via mail a .


E’ possibile inoltrare domanda anche tramite sportello unico (UNIPASS; impresainungiorno; SUAP; SUE; ecc.) utilizzando sempre la modulistica dal nostro sito internet www.altotrevigianoservizi.it (vedi modulistica).

Tutti i file che compongono la pratica devono riportare come suffisso da anteporre al nome file “ATS” per una corretta individuazione e gestione dei documenti che compongono la pratica.

 

Entro 30 giorni lavorativi ATS SRL rilascerà il PARERE PREVENTIVO per il servizio idrico integrato.

 

I documenti da allegare alla richiesta sono:

  • Copia Documento di identità
  • Richiesta parere preventivo per l’allacciamento al servizio idropotabile e fognario compilato e sottoscritto con allegato inquadramento catastale e planimetrico del fabbricato (vedi modulistica)

 

Torna su

 

ACQUEDOTTO

 

Chiedere un allacciamento all'acquedotto

Per presentare domanda di allacciamento ci si può recare presso i nostri sportelli dopo aver compilato il modulo di domanda scaricabile dal sito internet www.altotrevigianoservizi.it (vedi modulistica).

La domanda va presentata dalla persona che intende intestarsi il nuovo contratto che verrà firmato in presenza dei nostri operatori di sportello. In alternativa sarà necessario presentare delega firmata dell'intestatario, accompagnata da fotocopia del documento di identità del delegante e del delegato.

 

E’ possibile inoltrare domanda anche tramite telefono chiamando il numero del Servizio Clienti. In questo caso i nostri operatori telefonici raccoglieranno i dati necessari e la domanda verrà elaborata dal nostro ufficio clienti.

 

Verrà spedito quindi il preventivo con l’indicazione dei documenti da presentare (o spedire via fax) al fine di completare la pratica. I contratti andranno comunque firmati presso lo sportello dell’ufficio clienti di competenza.

E’ necessario sapere se esiste già una predisposizione per l’allacciamento del misuratore dell’acqua (cioè un pozzetto a norma posizionato dal gestore con stacco, valvola di non ritorno e tubo che porta l’acqua dalla condotta stradale).

 

I documenti da portare allo sportello sono:

  • Documento di identità del Cliente
  • Estremi del Titolo abilitativo alla costruzione dell’immobile (es. Permesso di costruire, Agibilità, ecc.)
  • Dichiarazione di conformità dell’impianto idrico (esclusi gli allegati; dichiarazione non necessaria per l’uso cantiere)
  • Schema per il posizionamento del misuratore-contatore (numero targhetta / disegno o foto del pozzetto e stacco)
  • Estremi relativi al titolo attestante la proprietà o regolare possesso/detenzione dell'immobile
  • Dati catastali dell’immobile

 

Qualora non fosse presente la predisposizione per allacciamento, oltre a quanto sopra deve essere presentata anche:

  • Planimetria catastale del lotto interessato (scala 1:2000 e 1:500)

 

Torna su

 

L'utente che desidera cessare il proprio contratto di fornitura del servizio idrico integrato (acqua/fognatura e depurazione) deve farlo in forma scritta. Per cui si può recare presso i nostri sportelli (se si presenta una persona diversa dall'intestatario del contratto deve essere munita di delega e fotocopia del documento di identità del delegante), o, in alternativa, può spedire, a mezzo posta/fax/e-mail, il modulo di recesso scaricabile dal nostro sito (vedi modulistica) compilato e firmato, con allegata la fotocopia del documento di identità.

 

I documenti da portare/indicare nella richiesta sono:

  • Codice utenza
  • Documento di identità del cliente
  • Lettura e matricola misuratore (contatore)
  • Indirizzo dove spedire la fattura a saldo

 

Entro 7 giorni dalla data di ricevimento della richiesta di disattivazione da parte del gestore, lo stesso procederà con la sospensione della fornitura rimuovendo il misuratore.

 

Torna su

 

Se ci si vuole intestare un misuratore (contatore) su cui esiste già un contratto, si richiederà una voltura.
Per presentare domanda di voltura ci si può recare presso i nostri sportelli dopo aver compilato il modulo di domanda, scaricabile dal nostro sito internet www.altotrevigianoservizi.it (vedi modulistica).

 

I documenti da portare/indicare allo sportello sono:

  • Codice utenza precedente
  • Documento di identità del cliente
  • Lettura e matricola misuratore (contatore)
  • Estremi relativi al titolo attestante la proprietà o regolare possesso/detenzione dell'immobile
  • Dati catastali dell’immobile

 

E’ possibile inoltrare domanda di voltura anche tramite telefono chiamando il numero del servizio clienti.
In questo caso i nostri operatori telefonici raccoglieranno i dati e la domanda verrà elaborata dal nostro ufficio clienti.

Verrà spedito quindi il preventivo con l’indicazione dei documenti da presentare (o spedire via fax) al fine di completare la pratica. I contratti vanno comunque firmati presso gli sportelli dell’ufficio clienti di competenza.

 

Torna su

 

Chiedere un subentro/una riattivazione

Se ci si vuole intestare un misuratore (contatore) ed il contratto dell’utente precedente è stato disattivato con conseguente rimozione dello stesso, si richiederà un subentro.

Se l’utenza disattivata viene riattivata dallo stesso intestatario, quest’ultimo dovrà fare richiesta di riattivazione.

 

Per presentare domanda di subentro/riattivazione ci si può recare presso i nostri sportelli dopo aver compilato il modulo di domanda, scaricabile dal nostro sito internet www.altotrevigianoservizi.it (vedi modulistica).

 

I documenti da portare/indicare allo sportello sono:

  • Codice utenza precedente
  • Numero di Targhetta (identificante lo stacco)
  • Documento di identità del Cliente
  • Estremi relativi al titolo attestante la proprietà o regolare possesso/detenzione dell’immobile
  • Dati catastali dell’immobile

 

E’ possibile inoltrare domanda di subentro/riattivazione anche tramite telefono chiamando il numero del servizio clienti. In questo caso i nostri operatori telefonici raccoglieranno i dati e la domanda verrà elaborata dal nostro Ufficio Clienti.

Verrà spedito quindi il preventivo con l’indicazione dei documenti da presentare (o spedire via fax) al fine di completare la pratica. I contratti vanno comunque firmati presso gli sportelli dell’Ufficio Clienti di competenza.

 

Torna su

 

Se un utente intende richiedere lo spostamento di un misuratore (contatore) sarà necessario il sopralluogo di un nostro tecnico. E’ possibile inoltrare domanda anche tramite telefono chiamando il numero del servizio clienti, oppure presentandosi allo sportello di competenza. Nello stesso preventivo verrà indicata la documentazione da presentare per il completamento della pratica.

 

Torna su

 

 

FOGNATURA

 

Chiedere un allacciamento alla fognatura

Per richiedere un allacciamento alla fognatura bisogna presentare richiesta di AUTORIZZAZIONE ALLACCIAMENTO E NULLA OSTA ALLO SCARICO con apposito modulo reperibile sul sito www.altotrevigianoservizi.it, dove appaiono le specifiche tecniche, le modalità di allacciamento e la documentazione da allegare.

 

La suddetta richiesta di autorizzazione all’allacciamento alla rete pubblica dovrà essere presentata dal proprietario, persona fisica o giuridica, o da altro soggetto munito di apposito titolo, presentando la pratica completa degli allegati richiesti presso i nostri Sportelli o per e-mail a .

 

È possibile inoltrare domanda anche tramite sportello unico (UNIPASS; impresainungiorno; SUAP; SUE; ecc.) utilizzando sempre la modulistica dal nostro sito internet www.altotrevigianoservizi.it (vedi modulistica).

 

Tutti i file che compongono la pratica devono riportare come suffisso da anteporre al nome file “ATS” per una corretta individuazione e gestione dei documenti che compongono la pratica.

 

Entro 30 giorni lavorativi ATS SRL rilascerà l’AUTORIZZAZIONE ALL’ALLACCIAMENTO e attiverà l’utenza (qualora non fossero necessari lavori in suolo pubblico).

Nel caso fosse necessario realizzare lavori di allacciamento in suolo pubblico prima di attivare l’utenza e autorizzare l’allacciamento, ATS SRL trasmetterà entro 20 giorni lavorativi il PREVENTIVO DI SPESA necessario per dar seguito alla pratica. 

 

I documenti da allegare alla richiesta di allacciamento sono:

  • Copia Documento di identità e codice fiscale del Richiedente
  • Richiesta autorizzazione allacciamento e scarico domestico e assimilato compilato e sottoscritto con allegati disegni di progetto dell’allacciamento in duplice copia e ricevuta di pagamento degli oneri d’istruttoria della pratica (vedi modulistica)

 

Torna su

 

Chiedere la voltura o subentro nella titolarità allo scarico in fognatura

La voltura o subentro della titolarità dello scarico deve essere richiesta utilizzando il modulo scaricabile sul sito  www.altotrevigianoservizi.it (v. area Modulistica) e consegnando lo stesso, con tutta la documentazione richiesta, presso i nostri Sportelli o e-mail a .

E’ possibile inoltrare domanda anche tramite sportello unico (UNIPASS; impresainungiorno; SUAP; SUE; ecc.) utilizzando sempre la modulistica dal nostro sito internet www.altotrevigianoservizi.it (vedi modulistica).

 

Tutti i file che compongono la pratica devono riportare come suffisso da anteporre al nome file “ATS” per una corretta individuazione e gestione dei documenti che compongono la pratica.

Entro 30 giorni lavorativi ATS Srl rilascerà attestazione di Voltura.

I documenti da allegare sono:

  • Copia Documento di identità e codice fiscale del Richiedente
  • Richiesta voltura – subentro compilato e sottoscritto allegando copia dell’autorizzazione allo scarico in fognatura pubblica della quale si chiede voltura o subentro e ricevuta di pagamento degli oneri d’istruttoria della pratica (vedi modulistica)

 

Torna su

 

Chiedere il nulla osta alla modifica dell'impianto fognario privato e/o il nulla osta allo scarico per cambio di destinazione d'uso dell'immobile

Prima di apportare qualsiasi modifica dell’impianto fognario privato e/o la variazione di destinazione d’uso dell’immobile, è necessario richiedere il nulla osta al gestore del Servizio Idrico Integrato utilizzando il modulo scaricabile sul sito  www.altotrevigianoservizi.it e consegnare la domanda con tutta la documentazione richiesta presso i nostri Sportelli o tramite e-mail a .

 

E’ possibile inoltrare domanda anche tramite sportello unico (UNIPASS; impresainungiorno; SUAP; SUE; ecc.) utilizzando sempre la modulistica dal nostro sito internet www.altotrevigianoservizi.it (vedi modulistica).

 

Tutti i file che compongono la pratica devono riportare come suffisso da anteporre al nome file “ATS” per una corretta individuazione e gestione dei documenti che compongono la pratica.

 

Entro 30 giorni lavorativi ATS SRL rilascerà il nulla osta.

 

I documenti da allegare sono:

 

  • Copia Documento di identità e codice fiscale del Richiedente
  • Richiesta adeguamento impianto- cambio destinazione d’uso con allegati disegni di progetto dell’allacciamento in duplice copia e ricevuta di pagamento degli oneri d’istruttoria della pratica (vedi modulistica)

 

Torna su

 

 

ALTRE RICHIESTE

 

Chiedere l'accesso agli atti

Gli Utenti di Alto Trevigiano Servizi S.r.l. potranno richiedere di accedere agli Atti in possesso del Gestore unicamente per documenti detenuti dallo stesso e riproducibili in copia utilizzando il modulo (M. 1.358) scaricabile sul sito www.altotrevigianoservizi.it e consegnandolo presso i nostri Sportelli o inviandolo a mezzo fax n. 0423.292929 o e-mail a .

Entro 30 giorni lavorativi ATS SRL invierà copia degli atti richiesti, qualora fossero disponibili e riproducibili.

 

Torna su

 

I Clienti di Alto Trevigiano Servizi S.r.l. che intendono esporre un reclamo formale al gestore del servizio idrico integrato devono farlo per iscritto – come previsto dal vigente "Regolamento del Servizio di Fornitura Acqua Potabile". Il modulo di reclamo può essere scaricato dal ns. sito nell'Area Clienti – sezione "Modulistica".

La consegna del modulo di reclamo e dei suoi eventuali allegati potrà avvenire nelle seguenti forme:

 

• Tramite pec all'indirizzo
• Tramite posta all'indirizzo di Via Schiavonesca Priula 86, 31044 Montebelluna (TV)
• Presso gli sportelli aperti al pubblico (indirizzi/orari consultabili in bolletta o nel sito www.altotrevigianoservizi.it)
• Tramite lo sportello online nel sito www.altotrevigianoservizi.it

 

Il gestore dovrà rispondere entro e non oltre 30 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del reclamo da parte dell'utente finale.

 

Torna su

 

Presentare richiesta scritta di informazioni / rettifica di fatturazione

I Clienti di Alto Trevigiano Servizi S.r.l. che intendono richiedere informazioni in forma scritta ovvero richiedere rettifiche di fatturazione possono inoltrare la richiesta, accompagnata da eventuali allegati, nelle seguenti forme:

• Tramite pec all'indirizzo 
• Tramite posta all'indirizzo di Via Schiavonesca Priula 86, 31044 Montebelluna (TV)
• Presso gli sportelli aperti al pubblico (indirizzi/orari consultabili in bolletta o nel sito www.altotrevigianoservizi.it)
• Tramite lo sportello online nel sito www.altotrevigianoservizi.it

 

Il gestore dovrà rispondere entro e non oltre 30 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del reclamo da parte dell'utente finale.

 

Torna su

 

Il Cliente potrà accedere alla procedura di conciliazione ogni qualvolta, successivamente alla presentazione di un reclamo scritto, abbia ricevuto da parte di Alto Trevigiano Servizi srl una risposta ritenuta insoddisfacente, ovvero qualora non abbia ricevuto alcuna risposta.

La procedura di conciliazione è disciplinata dal “Regolamento di Conciliazione del Servizio Idrico Integrato” (disponibile nell’Area Clienti – Sezione “Regolamenti”).

Il Cliente deve presentare la “domanda di conciliazione” (vd. modulo presente nell’Area Clienti – sezione “Modulistica”), compilata e debitamente sottoscritta, corredata dalla copia del documento di identità e dalla documentazione ritenuta utile per la trattazione della controversia.

La domanda deve essere trasmessa ad ATS per il tramite di un’associazione dei consumatori che ha sottoscritto l’accordo per la procedura di conciliazione paritetica oppure direttamente dal cliente mediante raccomandata A/R, fax o posta elettronica certificata.

La controversia sarà curata da una Commissione paritetica formata da due conciliatori, un conciliatore per l’azienda ed un conciliatore per l’associazione dei consumatori scelta dal cliente o, in mancanza da tale scelta, assegnatagli con modalità turnaria tra le associazioni dei consumatori firmatarie dell’accordo.

La procedura non determina alcuna spesa a carico del Cliente, fatte salve le spese dallo stesso eventualmente sostenute per supportare la propria domanda.

 

Torna su

 

Le richieste di addebito, revoca, o variazione coordinate in c/c bancario o postale devono essere rivolte direttamente e solamente al proprio Istituto di Credito o Ufficio Postale.

Per richiedere il servizio di addebito continuativo è sufficiente compilare il mandato personalizzato allegato alla propria fattura e consegnarlo all'Istituto di Credito/Uff. Postale. In caso di smarrimento del modulo, è possibile presentare comunque domanda, consegnando i propri dati di riferimento (Codice Cid di Ats, Tipo Mandato e relativo Codice di riferimento) che sono sempre riportati in tutte le fatture, nella sezione dedicata alle "Comunicazioni relative alla fornitura - Modalità di pagamento delle bollette".

Ricordiamo infine che il servizio di addebito è SALVO BUON FINE, pertanto consigliamo all'Utente di verificare sempre nel proprio estratto conto l'avvenuto addebito degli importi fatturati.

 

Torna su

 

Ricordiamo agli utenti di controllare sempre periodicamente l'impianto a valle del misuratore stesso, ed in particolare di verificare l'esistenza di perdite occulte non visibili (appurando che il misuratore non giri a rubinetti interni chiusi).

In caso di perdita idrica occulta riparata è possibile presentare una richiesta di abbuono tariffario debitamente compilata e sottoscritta (vd. modulistica), direttamente allo Sportello Clienti competente per zona, oppure a mezzo fax al nr. 0423-292929, oppure a mezzo posta elettronica – . Evidenziamo che l'applicazione dell'abbuono avviene solamente nei casi previsti e con le modalità stabilite dal vigente Regolamento del Servizio di fornitura di acqua potabile. In particolare riportiamo quanto previsto dall'Art. 27: "..., il conteggio dell'acqua consumata durante il periodo di perdita sarà commisurato al consumo storico rilevato nello stesso periodo dell'anno precedente maggiorato del 50%; nel caso in cui non esistano consumi precedenti, tale consumo sarà calcolato sulla base dei consumi medi registrati nello stesso periodo dell'anno per la tipologia contrattuale di appartenenza, incrementati del 50%". "Ricordiamo, inoltre che, in base al vigente Regolamento, lo sconto può essere applicato, a ciascuna utenza, per una sola fatturazione nel corso di ogni triennio e non si può, in ogni caso, partire da una data precedente all'ultima lettura utile alla fatturazione".

 

Torna su

 

Nel caso in cui l'utente ritenga che il misuratore non funzioni/non abbia funzionato in modo regolare può richiedere per iscritto alla Società A.T.S. S.r.l. di eseguire le opportune verifiche presentando l'apposito modulo debitamente compilato e sottoscritto - vd. modulistica -, direttamente allo Sportello Clienti competente per zona, oppure a mezzo fax al nr. 0423-292929, oppure a mezzo posta elettronica – . Se la verifica conferma l'irregolare funzionamento del contatore, l'onere sostenuto per le prove e le riparazioni necessarie, nonchè per l'eventuale sostituzione del contatore, sono a carico della società A.T.S. S.r.l. che provvederà anche a rideterminare le somme a debito dell'utente, per un periodo di tempo comunque non superiore ad un anno. Se, invece, la verifica conferma il regolare funzionamento del misuratore, le spese per la verifica del contatore sono a carico dell'utente - con conseguente addebito nella prima bolletta utile della somma prevista dal ns. vigente "Tariffario allacciamenti e servizi" (disponibile nell'Area Clienti del ns. sito internet www.altotrevigianoservizi.it).

 

Torna su

 

L'utente può presentare richiesta di rateizzazione di una fattura (bolletta) che verrà accolta nel caso in cui ci siano entrambe le seguenti condizioni:

    1. 1. La fattura emessa (oggetto della richiesta) superi del 100% il valore dell'addebito medio riferito alle fatture emesse nel corso dei 12 mesi precedenti.
    2. 2. La richiesta di rateizzazione venga presentata al Gestore entro il decimo giorno solare successivo alla scadenza della fattura.

Qualora vi siano i requisiti per la concessione della rateizzazione, verranno concordate e comunicate le modalità di pagamento. Le somme relative ai pagamenti rateali potranno essere maggiorate, da parte del Gestore, degli interessi di dilazione, con addebito in successiva fattura. La richiesta deve essere presentata attraverso il modulo "Richiesta di rateizzazione pagamento fatture" che può essere scaricato dal ns. sito nell'Area Clienti – sezione "Modulistica".

La consegna del modulo potrà avvenire nelle seguenti forme:

    • Tramite pec all'indirizzo
    • Tramite posta all'indirizzo di Via Schiavonesca Priula 86, 31044 Montebelluna (TV)
    • Presso gli Sportelli aperti al pubblico (indirizzi/orari consultabili in bolletta o nel sito www.altotrevigianoservizi.it)
    • Tramite lo Sportello Online nel sito www.altotrevigianoservizi.it

Il Gestore dovrà rispondere entro e non oltre 30 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del reclamo da parte dell'Utente finale.

 

Torna su